Editoriale

Il clima caldo dell’estate pian piano ci sta lasciando, in fondo anche l’estate, quando troppo afosa e lunga, stanca gli animi. E così, l’autunno si affaccia timidamente con i suoi colori un poco tenui , che virano dal verde intenso al verde scuro quasi giallo/marrone. E’ la stagione delle prime piogge, delle mattine fredde e un poco brumose… insomma è l’autunno. Di fatto riparte l’anno, riparte il tran-tran quotidiano. E così riprendiamo in mano le agende, segnamo gli impegni, programmiamo gli incontri e le nostre attività ambulatoriali.

Proprio per riprendere in mano argomenti clinici “caldi”, in questo numero del Bollettino abbiamo pensato di proporre 3 mini reviews su temi frequentemente ricorrenti nella nostra attività clinica e cioè il peso corporeo ed il suo comportamento in presenza della HRT, il possibile ruolo del contraccettivo orale sull’osso ed infine quanto i contraccettivi possono agire/interferire sulla sessualità femminile.

Il problema del peso è un “classico” femminile, in specie prima dell’estate, ma lo diviene ancor più quando la biologia si modifica in prossimità della transizione menopausale. Sapere come questo meccanismo metabolico si realizza e come si interfaccia con la HRT è importante per ognuno di noi. Vuol dire sapere proporre le scelte migliori alla paziente per non disattendere le prospettive di buon effetto della HRT sui tanti organi su cui questa agisce.

In tema di estro-progestinici, anche la scelta del contraccettivo orale può essere per certi versi una scelta più terapeutica e di prevenzione piuttosto che semplicemente e banalmente contraccettiva. Di fatto rappresenta una possibile prospettiva di cura per quelle giovani donne che presentino un quadro di osteopenia indotta o legata a periodi di ipoestrogenismo/amenorrea. Indubbiamente il patrimonio in termini di massa ossea è troppo importante e non possiamo permettere che venga parzialmente perduto ben prima del periodo menopausale! scegliere il contraccettivo giusto è importante pre evitare danni ulteriori.

Certamente, dato che si parla di contraccettivi e dei loro effetti, non va dimenticato che il nostro cervello e la parte più “arcaica” di esso che ci fa molto simili ai nostri “cugini” scimpanzè, è estremamente sensibile alle variazioni ormonali e proprio a seguito di queste determina molti degli aspetti comportamentali che quotidianamente abbiamo. Tono dell’umore, libido, attenzione, memoria sono solo alcune delle funzioni su cui gli steroidi sessuali hanno evidenti effetti. Certamente questi sono molto più marcati nella donna rispetto all’uomo dato che la variabilità ormonale del ciclo ovarico è notevole ! ed è quindi indubbio che una attenzione importante deve essere sempre prestata dal ginecologo al rapporto che il contraccettivo scelto (e quindi i suoi componenti!) ha col comportamento ed in particolare con la libido e la sessualità. Consigliare alla donna il contraccettivo giusto vuol dire non alterare la spontaneità di questi ultimi.

Argomenti molto diversi tra loro ma che hanno negli estro-progestinici un loro filo conduttore.

La nuova stagione, l’autunno, sta per iniziare, e con essa saranno tanti i temi che le nostre mini reviews proporranno per migliorarci nel nostro lavoro quotidiano dedicato alla salute della donna.

Prof. Alessandro D. Genazzani