In questi mesi si parla di..

Il cibo può essere una medicina?
Non serve la bilancia: usate le mani per scoprirlo
Dieta povera e fragilità degli anziani
La vita sessuale protegge il cuore dopo un infarto
Sulle note del relax: la propria musica preferita è un potente anti-stress
Ridotta tolleranza al glucosio: progressione a diabete prevenibile per 6 anni
L’estetica oncologica migliora la qualità di vita delle persone in terapia
Il sovrappeso a sessant’anni può accelerare l’invecchiamento cerebrale
«Che tipo di depressione è la mia?»
La preclampsia aumenta il rischio di patologie cardiache
Un’alimentazione sana riduce del 30% il rischio di diabete di tipo 2

Effetti dei contraccettivi ormonali e della spirale medicata sul tono dell’umore e sulla libido

ABSTRACT
{ITA} La contraccezione ormonale rappresenta da molti anni uno degli strumenti più utilizzati per il controllo delle nascite, e grazie alle proprietà intrinseche soprattutto del progestinico utilizzato, è diventata anche una vera e propria terapia per molte problematiche ginecologiche. Gli ormoni sessuali steroidei oltre che sull’utero e le ovaie agiscono anche su altri organi ed apparati, tra cui il sistema nervoso centrale (SNC): ciò rende ipotizzabile un’interazione dei contraccettivi ormonali su alcune funzioni cerebrali come la regolazione del tono dell’umore e della funzione sessuale. Alcune donne sperimentano infatti un peggioramento del tono dell’umore e della libido sotto utilizzo del contraccettivo, e questo determina significativi risvolti sull’accettabilità a lungo termine. Per il Ginecologo diventa quindi importante considerare la possibilità di questi eventi avversi ed eseguire un corretto counseling con la paziente per una scelta contraccettiva adeguata e tollerabile.

{ENG} Hormonal contraception represents of the most widely used tools for birth control, and thanks to the intrinsic properties for great part due to the progestin, it represents also a treatment for many gynecological problems. Steroid sex hormones act on several organs and systems, including the CNS, as well as on the uterus and ovaries: this makes it possible to hypothesize an interaction of hormonal contraceptives on certain brain functions such as the regulation of mood and sexual function. In fact, some women experience a worsening of mood and libido under contraceptive use, and this leads to significant implications for long-term acceptability. It is therefore important for the Gynecologist to consider the occurrence of these side effects and to perform proper counseling with the patient for an adequate and tolerable contraceptive choice.