L’estrogeno naturale nella contraccezione ormonale: rivoluzione o evoluzione?

{ITA} La innovazione delle nuove preparazioni contraccettive è stata l’introduzione degli estrogeni naturali, quali l’estradiolo valerato (E2V) e l’estradiolo micronizzato (E2), per aumentare la sicurezza del preparato. Gli estrogeni naturali inducono minor sintesi di proteine a livello epatico, quali SHBG, angiotensinogeno e fattori coinvolti nel processo della coagulazione ed una minore interferenza sulla sintesi lipidica rispetto all’EE. L’utilizzo di questi composti ha reso necessario un adeguamento della componente progestinica, per correggere lo scarso controllo del ciclo fornito da preparati contenenti E2V o E2 al posto dell’EE. La scelta è quindi caduta su prodotti caratterizzati da un potente effetto progestinico a livello endometriale come il dienogest (DNG), che è stato associato all’E2V, e il NOMAC, estremamente sicuro dal punto di vista metabolico e cardiovascolare, in combinazione con E2. Il potente effetto progestinico a livello endometriale di entrambi questi prodotti determina una riduzione importante del sanguinamento da privazione fino alla sua possibile scomparsa, ponendo l’indicazione all’utilizzo di questi composti per il trattamento dei vari disordini del ciclo mestruale.

{ENG} The innovation of the latest contraceptive preparations is the use of natural estrogens such as valerate estradiol and micronized estradiol to improve the safety. The real advantage of the use of natural estrogens than EE is that they induce less epatic activity in regards to the synthesys of SHBG, angiotensinogen and other factors. The use of such new estrogens has compelled the combination with more appropriate and potent progestins such as dienogest (DNG) and NOMAC, combined to valerate estradiol and to micronized estradiol respectively. Such specific combinations are able to minimize the bleeding up to induce endometrial atrophy and for this are more indicated for the treatment of menstrual disorders.